Google fine dell’era Pagerank, tocca a Hummingbird

By Redazione on 14 ottobre 2013 in blog
1

E’ nel giorno del quindicesimo compleanno di Google che lo staff  ha deciso di rendere noto al pubblico  “il più grande cambiamento dal 2001 nei meccanismi di funzionamento della nostra ricerca”, come s’è lasciato andare con i giornalisti il grande capo della Search, Amit Singhal.

Si tratta di Hummingbird, colibrì, la rivoluzione del PageRank, che poi altro non è che uno dei 200 programmi contenuti nell’algoritmo destinato a segnare il futuro del motore di ricerca. Hummingbird va a cercare nei dati immagazinati nell’indicizzazione di Google le risposte alle ricerche degli utenti di tutto il mondo, andando in profondità nelle risposte, sempre più in profondità

Gli utenti non si sono per ora resi conto che un nuovo algoritmo sta fornendo loro le risposte alle query. Probabilmente, invece, se ne stanno via via accorgendo gli esperti di SEO, anche se a Mountain View assicurano che le regole per la Search Engine Optimization non non cambiano perchè Hummingbird lavora a un livello molto profondo e le caratteristiche che un contenuto deve avere per essere correttamente individuato e indicizzato da Google restano le stesse di prima.

La più importante novità portata dal colibrì è la “Conversational search” che è il miglioramento della capacità di estrarre il significato da un quesito in linguaggio naturale. Rispetto al passato, l’algoritmo si concentra sull’intera frase e non su alcune parole, individuandone il focus.

Al questo link un ottimo articolo di Claudio Giua per  L’Huffington Post

About the Author

RedazioneView all posts by Redazione

Copyright 2017 | LinkMedia | agenzia di Marketing & Comunicazione con sede a Torino si occupa di sviluppo siti web, web marketing e servizi internet